Sei qui: HomeArticoli al TOPDialogo a più voci sulla legalità

Dialogo a più voci sulla legalità

Mimma Cacciatore

Il 9 maggio Giorno della memoria delle vittime del terrorismo e delle stragi nell'Auditorium dell'Istituto "Pizzini – Pisani" si è svolto un convegno sulla legalità dal titolo "La bellezza salverà il mondo" frase di dostoevskiana memoria, ricordata spesso da Peppino Impastato vittima di mafia che affermava: «Se si insegnasse la bellezza alla gente, la si fornirebbe di un'arma contro la rassegnazione, la paura e l'omertà..... bisognerebbe educare la gente alla bellezza, perché in uomini e donne non si insinui più l'abitudine e la rassegnazione ma rimangano sempre vivi la curiosità e lo stupore».

A rappresentare la bellezza in questo senso un'ospite d'eccezione: Mimma Cacciatore, la "Preside Coraggio" di San Luca d'Aspromonte - tristemente nota per fatti di cronaca -, che ha pensato si dovesse partire proprio dalla bellezza per ridare dignità ai suoi alunni, per farli sentire importanti donando tutta se stessa affinché potessero sentirsi protagonisti e non più emarginati. L'Italia è un Paese a legalità limitata, la 'ndrangheta è una holding del crimine cresciuta a dismisura, capace di infiltrarsi nel mondo degli affari, di tessere rapporti con poteri occulti e di corrompere politici ed amministratori locali senza venir meno a precetti arcaici come il silenzio e il vincolo di sangue. Una realtà "da incubo" in cui la dirigente originaria di Vibo Valentia si è trovata catapultata in un giorno di fine estate. Una storia, la sua, nella quale le immagini danno senso ad un racconto incredibile dove anarchia, illegalità, paura e prepotenza sono parte di una cultura degradante nella quale i più giovani sono le vittime predestinate. "La 'ndrangheta è pure negligenza di certe istituzioni chiamate a fare il proprio dovere. In questa esperienza – spiega la protagonista – mi hanno aiutato le forze dell'ordine e, soprattutto, le donne. La mia fortuna è stata quella di incontrare diverse realtà positive e fare rete con loro". Quattro anni di impegno supportato da una programmazione assidua, un percorso ad ostacoli culminato nell'incontro col Papa, insidie e solitudine di una professionista costretta a fare i conti non solo con la mentalità (e le regole) del luogo, ma anche con la precarietà delle strutture e la burocrazia dello Stato. Un posto di frontiera in Aspromonte "dove nessuno vede e nessuno sente". "A San Luca non ho conosciuto la 'ndrangheta con la coppola e la pistola ma – afferma la Dirigente – l'inoperosità e l'insensibilità di chi occupa posti e posizioni di rilievo. Di chi non vuole cambiare le cose". Ma per cambiare le cose c'è bisogno di agenzie educative, c'è bisogno di scuola e formazione: "resistere per rinascere. Cambiare in meglio la nostra terra attraverso le nuove generazioni". Gli alunni del paese che dette i natali a Corrado Alvaro oggi fruiscono di un edificio con ambienti rinnovati ed attrezzati, seguono percorsi didattici multidisciplinari, praticano sport ed attività culturali, viaggiano per apprendere, il loro istituto è diventato un presidio contro il disagio sociale e l'incultura. Sono lontani, dunque, i tempi in cui i banchi e le sedie "volavano fuori dalle finestre" per finire in una sorta di cimitero dell'arredo scolastico, adesso sono opere d'arte che adornano i muri. "Ho combattuto per educare questi ragazzi al bene. Da queste parti i bambini vivono esperienze dolorose. Il mio – evidenzia Mimma Cacciatore – è stato un viaggio verso la bellezza. La bellezza educa, le famiglie hanno capito che voglio bene ai loro figli perché in fondo abbiamo lo stesso obiettivo: guidarli, proteggerli, assicuragli un futuro che non sia la galera". All'iniziativa dell'Istituto "Pizzini – Pisani" hanno partecipato con interventi di alta levatura professionale e morale la Dott. Elga Rossignuolo, Funzionario di Polizia e i docenti Avv. Carmelo Costanzo e Don Pietro De Luca. Significative le parole della Dirigente Miriam Curti che visibilmente colpita dall'esperienza della Cacciatore ha sottolineato l'importanza di tale testimonianza non solo per i ragazzi ma anche per gli adulti, chiamati a prendere decisioni e ad adottare strategie educative.

 

Allegati:
Scarica questo file (Articolo Cacciatore.pdf)Articolo Cacciatore.pdf[ ]95 Kb

Cerca

 

home banner-albo-pretorio

banner registro

logo-didattica

Pon 2014-20

amministrazione trasparente

logo-BachecaSindacale

Esami di stato 2017 new

LaBuonaScuola

didactica

alternanza

logo-dislessia

Inclusione

logo scuola digitale2

selfie-logo

250x250

rassegna-stampa

gdpr privacy

Questa istituzione scolastica utilizza software opensource

zeroshell

zerotruth

Accesso riservato



Inizio pagina

Questo sito utilizza cookie di tipo tecnico, per cui le informazioni raccolte non saranno utilizzate per finalità commerciali nè comunicate a terze parti. Per approfondimenti visualizza la nostra cookie policy

Nascondi questo messaggio
Cookie Policy